CARPE DIEM

Un mitico Orazio tanti e tanti anni fa ci ha concesso un insegnamento che sarebbe da stupidi non cogliere e non seguire. Due termini che si prendono per mano e giocano. Giocano come due bimbi. Facendoti riflettere se è giusto o meno coglierlo quell’attimo. Carpe diem. E non significa prendere scelte affrettate. Non significa prendersi gioco di se stessi e degli altri. Non significa prendere decisioni inutili, sciocche e dannose. Certo, probabilmente deriva tutto da una lungimirante follia. Ma, del resto, sono le scelte più importanti nella vita che provengono da essa. Eppure è una follia, seppure un minimo, razionale. Una follia per la quale vale la pena tentare. Lottare. Tramutare quel "carpe diem" in un atto. Un gesto. Una parola. In una qualsiasi cosa. Ma non lasciarlo sfuggire perchè…non tornerà, questo è certo. Quindi VIVILO! Ma fino in fondo. Qualcuno disse: "lo scopriremo solo vivendo". RISCHIA! Fai ciò che vuoi. Non far sì che la vita ti passi vicino, ti sfiori senza viverla realmente. Ricordalo sempre: "carpe diem". E’ un invito ad essere responsabili del proprio tempo, cogliendo al volo le gioie che la vita offre, senza crearsi aspettative per il futuro, senza aver paura di affrontare le situazioni. E’ l’unico modo per non pentirsi di nulla. Pensi sia più ponderoso il peso di qualcosa che hai fatto e vorresti cancellare, o qualcosa che non hai fatto e per cui daresti d tutto per tornare indietro e agire??? Non vorresti avere un’altra opportunità e recuperare? E tu questi come li chiami? Rimorsi? Rimpianti? Trova il termine che vuoi. Fai quello che vuoi. Dici ciò che vuoi. Pensa ciò che vuoi. Ma io ti consiglio una cosa sola. E tu fallo, fidati.!!!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

7 risposte a CARPE DIEM

  1. Terry ha detto:

    ….quello che hai scritto è bellissimo….carpe diem è una delle mie frasi…anke la tua??e poi cmq la vita è una sola e bisogna vivere ogni istante…cogliere ogni istane…cm nel film"l’attimo fuggente"!!!!un bacione…passa dal mio se t va……

  2. Flavia ha detto:

    vivere l’istante non è cosa da poco. La razionalità avvolge le persone e ti porta a dire "lo faro dopo! Ci penserò dopo!" ma quel <dopo> forse arriverà tardi. In ogni caso il carpe diem va vissuto con saggezza! Le decisioni prese in un attimo possono si, renderti felice, farti credere di aver fatto la cosa giusta…..ma possono anche essere devastanti! Pensare un pò prima di cogliere l’attimo non è un dramma, è solo un giusto equilibrio per le nostre coscienze.

  3. Sem ha detto:

    E’ bellissima, hai colto nel segno il mio pensiero…
    ahah no scherzavo… come al solito sei sul generale, tutti possono dirlo, ma pochi lo descrivono a pieno… voto 6 1/2, l’altro sull’amore avevi preso di più(voto 7 e non 9)…
    ihih ciao

  4. Raffaella ha detto:

    Già. Fa bene darsi consigli, però la lingua sbatte dove il dente duole, però "ki ha torto di solito grida più forte", però è più facile farsi condizionare da " chi ha torto" e soprattutto esiste quella parte che nn so come si chiama che è costantemente fuori dal nostro controllo, purtroppo. Diglielo di star ferma, diglielo di lasciarsi controllare. Ma non dorme mai: beccala quando dorme.
    Eppazienza, tu cogli l’attimo e frega quella parte che non so se riesci a correre tanto veloce..in bocca al lupo!
    TI VOGLIO BENE!
    (Esiste un modo perchè tu venga da noi? sobbb!!!!! nn mi arrendo mai!xD)

  5. tahira ha detto:

    Buon San Valentino!
    Un sorriso
    Tahira

  6. Carla ha detto:

    E’ giusto saper cogliere le occasioni quando si presentano, ma è giusto anche saperle meditare per capire se valga o meno la pena di affrontare rischi e pericoli per raggiungere una meta. Non tutte le occasioni che si presentano sono da cogliere perchè dipende da quello che veramente vogliamo nella vita. E’ sempre il cuore che ci può dire se una scelta è giusta per noi oppure no. E quando il cuore ha deciso, allora è giusto non aver paura di buttarsi a capofitto nell’impresa.Un abbraccio e un salutoCiao

  7. Giorgio ha detto:

    Premetto che mi fa molto piacere quello che hai scritto sul mio blog. Ma il "carpe diem" è un argomento più complicato di quanto sembri, che spesse volte viene completamente traviato – come ahimè confermano gli altri commenti – in modo assolutamente distante dall’aggraziata idea dell’immenso Orazio.
    Anche il carpe diem si è inflazionato. Tutti lo dicono, tutti lo scrivono, ma chi lo capisce? Chi sa da dove è preso, chi conosce il senso profondo della poesia nel quale è inserito?
    Il carpe diem non è un principio di edonismo per combattere passività o rimorsi: non dimentichiamo che Orazio è un "Epicuri de grege porcum". Il carpe diem è un invito a godere del presente con la sua intrinseca carica di piacere, senza affanni per il domani incerto. "Carpe diem, quam minimum credula postero". Non è uno sguaiato invito a comportarsi secondo l’idea che "ogni lasciata è persa", ma un delicato consiglio a trovare il piacere nella propria condizione attuale, evitando di dilaniarsi per desideri che in fondo, quel piacere, non lo aumentano davvero. 
    Spero questo sia l’inizio di un fertile scambio di idee.
     
    Sirio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...