E se chiude è per sempre

Una parola per tornare indietro. Per
non lasciarti andar via dopo averti tanto a lungo aspettato. Per poter
cancellare il mondo quando si sgretola nelle incomprensioni che molto generosamente
ci concede. Tento di andare via dopo aver a lungo discusso con te. Tu mi
blocchi da un braccio. Freni quel motore spinto da sostanziose paure. Mi scruti. Io abbasso
gli occhi per non farli incontrare con i tuoi perché quella battaglia potrebbe
rivelarsi tanto aspra che finirebbero per piovere lacrime di nostalgia
. La tengo
dentro me, a giocare con un autolesionismo che ho imparato a sopportare. Con cui,
ormai, convivo. Libero il mio braccio dal tuo. Ed è quasi come se avessi posto
un punto ad ogni attimo condiviso che mi riempiva l’anima di emozioni
indescrivibili. Un punto. Non una virgola. Un maledetto punto che chiude e non
riapre. E se chiude è per sempre.
Mi allontano da te mentre rivivo un po’ di
noi. Il tuo sapore è sigillato dentro. C’è l’incastro delle tue dita tra i miei
capelli. Delle tue mani con le mie. Delle tue braccia che mi stringono. Mi fanno
sentire che ci sei. Che sei lì, per me.

Ritrovo le tue parole sussurrate,
altre urlate. I tuoi piccoli gesti dal significato enorme.
Ti sento nell’aria,
nei pensieri, nelle canzoni, nei posti che attraverso e in quelli in cui andrò.
Mi fermo per un attimo. Sprofondo nel silenzio e nel buio
che ha accompagnato i miei passi. Come se mi tirasse una calamita, dopo una
dura lotta, mi volto. E ti osservo. Tu non mi vedi, ma le mie gambe svelte mi
riportano a te. Nel tuo sorriso che ora splende. Nel tuo bacio di cui temevo di
aver dimenticato il sapore.
E nel cielo, ora, le stelle fanno da cornice. Si accendono
insieme a quel ricominciare. Un attimo ancora. Manca qualcosa. La cerco e subito
la trovo, quella parola. La urlo con tutta la voce che ho. Con tutta la voce
che posso e anche con quella che non posso.
La urlo…e poi mi sveglio.

Sì, sei stato un sogno. Solo un
sogno.

Questa voce è stata pubblicata in A occhi chiusi e cuore aperto. Contrassegna il permalink.

11 risposte a E se chiude è per sempre

  1. Carmen ha detto:

    Nulla è solo un sogno cara Jessica… se noi non vogliamo che lo sia!In questo caso poi tocca rimboccarsi le maniche e tenacemente parlare e parlare…. per ripetersi per sempre: non sono i che ho fallito!Un bacione cara

  2. kιsskιss ha detto:

    Ammazza che sogno però!!!… ed io qui a riviverlo leggendo le tue parole…"quella battaglia potrebbe rivelarsi tanto aspra che finirebbero per piovere lacrime di nostalgia"E’ pura emozione leggerti. Grazie!Un bacione grandissimo tesorino bello🙂

  3. Marcello ha detto:

    sogno,realtà che differenza c’è infondo..

  4. Jessica ha detto:

    Tanta, Marcè, troppa!

  5. silvana ha detto:

    Il problema che non è un sogno ma il sogno quelloche va oltre l’ AltrovE !!!!!!!!! e rimane nel Reale Ti abbraccio sensibile Creatura .

  6. j ha detto:

    sono curiosa: quale parola? ^^… è quella che penso io? bell’intervento, mi da la sensazione di un mare agitato (preciso agitato non in tempesta)

  7. sпòв .♥ ha detto:

    Tutto questo deriva dalla realtà o dalla mente?

  8. Claudia ha detto:

    Pezzo splendido, come sempre. E così carico di dolore e rimpianto e nostalgia che mi sembra di sentir parlare me. Io sono così, ora… e il mio cuore brucia quando lo guardo. Perché provo rimpianto e lacrime, ma so che in me non c’è altro, ho perso l’amore che avevo per lui. Per un suo errore, per un mio errore. Svanito, morto, non c’è più. A volte vorrei che tornasse, a volte vorrei riuscire a lasciarmelo definitivamente alle spalle… a volte vorrei riuscire ad urlare e svegliarmi, ma per me non è un sogno, è la realtà, che talvolta sa essere il più peggiore degli incubi.

  9. signoraIN ha detto:

    Mi trasmette più angoscia che felicità…dunque, soddisfatta nel constatare che sia solo un sogno. Perchè è…un sogno vero??!!Sempre un piacere leggerti… Buona giornata :-))

  10. Jessica ha detto:

    @ j: qual è quella che tu pensi? Ora m’incuriosisci davvero! :-)@ MsZ: questo è il risultato di quando quei due "contrasti" si uniscono e non so se è peggio per me o per loro! :-)@ Klaudya: a volte sarebbe bello avere un paio di forbici per tagliare il tragitto che ci allontana da quegli attimi, quelle emozioni, quei momenti che ancora scalpitano in noi ma che per vizio di qualcuno o, forse, anche un pò per colpa nostra, non possiamo riavere indietro.E’ la realtà, sì, hai perfettamente ragione: a volte sa essere il peggiore incubo!Un abbraccio…e forza! ;-)@ signora: Certo che è un sogno, puoi star tranquillissima! Ti abbraccio forte, buona giornata anche a te!😉

  11. j ha detto:

    ehm…. the love (?)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...