A un passo da…un sogno!

Se ci penso, ancora quasi non ci credo e forse è giusto che sia così. Non voglio perdere proprio ora il contatto con la realtà. La strada che ci aspetta è tanta, ci sarà da faticare ma ce la faremo, come ce l’abbiamo sempre fatta…insieme!

Ricordi quella sera? Sembrava simile a tutte le altre con la sua monotonia, eppure qualcosa di diverso già c’era.
Le mie parole hanno iniziato a incastrarsi con le tue, come pezzi di puzzle apparentemente estranei ma che, invece, coincidevano perfettamente.
Abbiamo cominciato, così, a intrufolarci nei cieli della fantasia, in cui potevamo fare ed essere ciò che volevamo, ciò che non eravamo, non siamo e mai saremo.
Scrivere un libro era una delle nostre più grandi aspirazioni. Forse la più grande in assoluto. Non pretendevamo di riuscire a pubblicarlo, ci sarebbe bastato semplicemente creare qualcosa di solo nostro.
Non avevamo grandi aspettative, è vero, ma grandi sogni, quelli sì. Sogni umili e poco pretenziosi, ma che ci davano la forza per sentirci un po’ meno soli, un po’ meno inutili, un po’ meno muti tutte le volte che le nostre voci si confondevano con quelle altrui.

Io volevo dimostrare a chi mi era accanto che si era sbagliato, che aveva sottovalutato i miei lunghi silenzi, che c’era qualcosa di speciale anche in me. Volevo convincere gli altri, ma questa certezza non ce l’avevo neppure io.

Pagina dopo pagina, mi rendevo sempre più conto che quell’ostentare non mi interessava e che volevo realizzare qualcosa di speciale non solo per me, ma per i personaggi che erano nati dalle nostre dita e dalla nostra anima. Volevo dar loro tutto ciò che io non ho avuto: la forza e il coraggio di combattere contro le innumerevoli avversità della vita, la testardaggine di andare contro le proprie paure, la determinazione di riuscire…
Volevo dar loro ogni cosa per convincermi di esserne in grado anche io, di poter raggiungere il mio “tutto” nello stesso modo in cui riuscivo a regalarlo a loro.
E ce l’ho fatta. Ce l’ho fatta anche grazie a te che hai accompagnato i miei passi in questo viaggio infinito senza farmi mai sentire il peso della solitudine. I chilometri e la distanza non sono stati un ostacolo così insormontabile come sembrava all’inizio. Non è stato neanche facile però, lo ammetto. Non è stato facile scrivere un romanzo, non lo è stato riuscire a sincronizzare sempre le nostre dita, non lo è stato riprendere il volo dopo ogni caduta.
A volte mi fermo a pensare e mi domando cosa sarebbe successo se il destino quella sera non ci avesse fatto incrociare. Non lo so, non ne ho idea. So soltanto che senza di te non credo tutto ciò sarebbe stato possibile.
Ricordo gli sms inviati a notte fonda con nuove idee, quelle che sembrano eccezionali finchè non le leggi a mente lucida, i post-it sparsi per la camera, pieni di dettagli, di frasi, concetti da non dimenticare, l’ispirazione che non arriva perché è dispettosa e si nasconde quando pretendi che ci sia a tutti i costi, le persone che incontro per strada e che mi sembra di conoscerle già perché somigliano tanto a qualcuno dei nostri personaggi. Ricordo anche quando, rileggendo tutto, ci sembrava di non averle mai scritte quelle righe e alcune, invece, era come se le avessimo vissute davvero.
Ricordo l’emozione di aver finito, di avere il manoscritto in mano, guardarlo con occhi lucidi e domandarsi “e adesso?” e non sapersi dare una risposta.
Poi la voglia di provare. Di tentare di trasformare quell’atto un po’ egoistico in un regalo ulteriore sia per noi, sia per chiunque volesse recepire i nostri fragili bisbigli.
Abbiamo cercato, cercato tanto qualcosa che facesse al caso nostro e abbiamo continuato a lottare contro quel mondo che non era semplice come credevamo.
Poi l’attesa. Mesi passati ad aspettare che qualcuno volesse seriamente investire su di noi. La casella di posta elettronica che si riempiva di giorno in giorno, convincendoci che forse la nostra decisione non era stata così sbagliata, anzi! Tante risposte, tante proposte, anche qualche porta in faccia, è inutile negarlo.
Tra le tante, è arrivata anche quella giusta.
Con la gola secca e il cuore che palpita come impazzito, finalmente posso dirlo: manca poco ormai, un mese esatto e il nostro libro, “A un passo da te” , dal 22 luglio non sarà più solo un sogno, diventerà realtà.
Ancora stento a crederci…e forse è giusto che sia così.
Jessica Mastroianni & Marcello Affuso
Questa voce è stata pubblicata in A occhi chiusi e cuore aperto, A un passo da te (Jessica Mastroianni & Marcello Affuso), La scatola dei pensieri!, Quattro Mani. Contrassegna il permalink.

6 risposte a A un passo da…un sogno!

  1. Vito M. ha detto:

    Ciao Jessica, che bello, sono proprio contento sai?, lo meriti, ero certo delle tue capacità, le ho apprezzate sin da subito, da quando ho letto qualcosa di tuo, presso il blog di Aury.
    Anche questo post è intriso di tutte quelle emozioni che hai vissuto durante la realizzazione del tuo progetto, sono talmente palpabili che viene facile divenirne partecipi.
    Son davvero felice, lo meriti davvero, ti faccio un grosso e sincero in bocca al lupo, poi mi fai sapere la data dell’uscita, avrai in me un sicuro acquirente del tuo libro, lo voglio leggere, sicuro di vivere quelle emozioni che riesci a trasmettere.
    Ti auguro una buona giornata, con amicizia, Vito

  2. Roberto ® ha detto:

    Che bello Jessica…. Ho letto questo post con un sorriso perenne sulle labbra🙂 Sono molto contento per voi e vi faccio già da ora i miei migliori in bocca al lupo per il vostro libro.
    Mi fai sapere la casa editrice poi?
    Ciao buona serata…e ancora congratulazioni!!

  3. @ Vito:
    Il libro sarà prenotabile in libreria e on-line dal 22 luglio.🙂
    Grazie per il continuo sostegno…e che crepi questo lupo!😉

    @ Roberto:
    Grazie mille anche a te, son contenta di poter condividere con voi la mia gioia!😉
    La casa editrice si chiama “Linee Infinite”…non potevamo sceglierne una con un nome più profondo di questo!😛

    Un abbraccione!😉

  4. Mariaurora ha detto:

    Ma sto 22 luglio quando arriva?? Sto fremendo …”Linee Infinite” è già un programma .. Ragazzi che gioia, penso già a quando potrò dire al mondo: Sono due amici miei!!!! E non dite che son fanatica, sono semplicemente troppoissimo felice per voi ragazzi, ma io che devo dire per prenotare, solo il vosti nomi o un titolo preciso?? Scusa sai ma son talmente emozionata che chissà che confusione farò!!!! hahahahahaha EVVIVAAAAA va bhè vorrei dirvi tante parole ma mi accontenterò del solito CONGRATULAZIONI si dice così vero?? Si devo fare la personcina seria, altrimenti magari diranno: ma che amica hanno poi sti ragazzi??? hahahaha no tranquilli farò un bel silenzio stampa coraggio e buon buon buon buon lavoro con tantissime soddisfazioni carissimi … Vi lascio un numero incalcolabile di ASABS ASABS ASABS che voi regalerete a chi vi fa piacere!!! Ciaooooo Vi voglio un bene enormeeeeeeeeee!!!!

  5. Mariaurora ha detto:

    Ma lo vedete se son fusa?? ma come vuoi che non sappia il titolo?? “A un passo da te” dovrei vergognarmi solo ma non lo faccio, non so che sia la vergogna!! Meglio stia un pò zittina e vada anche a nanna che è poi anche già ora … ciao ancora ragazzi miei!!!

  6. gAs ha detto:

    Ci sono delle cose bellissime fra le tue parole. Cose che mi fanno pensare, mi fanno sorridere, mi fanno venir voglia di cambiare, di essere migliori.
    C’è una frase che ho visto come in una fotografia, quando parli delle persone che incontri per strada e che mi sembra di conoscerle già perché somigliano tanto a qualcuno dei nostri personaggi. Succede anche me, anche quando non ho personaggi da raccontare ma li osservo passarmi accanto e sfiorarmi per caso. Certe volte è come sentire negli altri più di quel che potevo vedere in quei piccoli istanti, così la volta dopo, incontrandoli per un caso ancora, ho un po’ l’impressione di conoscerli di più… E’ una bella sensazione perchè io non so inventare, so solo ascoltare.
    Ciao Jessica, mi piace la tua strada e il modo in cui la osservi… E ciao Marcello, posso dirti la stessa cosa e dirtela qui, perchè mi piace il modo in cui certe piccole voci sapete ascoltarle insieme e portarle qui.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...