A un passo da te (intro)

E’ arrivato il momento dei saluti, di chiudere tutto e di goderci un po’ di meritate vacanze. Per non lasciarvi soli, per tenervi ancora compagnia, io e Marcello Affuso abbiamo pensato bene di sostituire queste pagine virtuali con qualcosa di più concreto: “A un passo da te”, il nostro romanzo. Vi lascio un breve assaggio:
“Non siamo come gli aquiloni: col vento contro, anziché volare, ci pieghiamo.
E il vento contro c’è quasi sempre.
Talvolta sembra soffi più forte per mettere a nudo le nostre debolezze, ma è da quelle fragilità che dobbiamo partire. È in quelle che dobbiamo trovare la forza e, su quelle basi, costruire. Costruire scudi, certezze, sogni…
Il coraggio che manca si nasconde tra la polvere lasciata dalle macerie del passato e il mormorio confuso dell’anima. È da ritrovarsi in ciò che perennemente viene sfiorato ma mai assaporato davvero, eppure è lì, a un passo da te. Così vicino da apparire distante.
È allontanato da sguardi fragili che non hanno il coraggio di spingersi al di là ciò che possono vedere e, allora, si fermano prima, all’apparenza, senza accorgersi che ciò che inseguono è a portata di mano, così come la chiave per aprire tutte le porte che altrimenti resterebbero chiuse in eterno.
A un passo da te ci sono risposte a infinite domande.
C’è un universo così grande che non puoi neanche immaginarlo.
Tra le pieghe delle notti più nere c’è la possibilità di essere felice. Prima di conquistarla devi saperla riconoscere: la troverai in un sorriso incontrato per caso o in qualche parola accennata appena. Magari in quegli occhi che già hai scrutato, anche solo di sfuggita, oppure sono ogni giorno lì, al tuo fianco.
O forse…nel cuore della persona che cercavi.
A un passo da te c’è il senso di tutto.
Ci vuole pazienza per trovarlo: arriverà scortato dal destino perché, per quanto crediamo di esserne noi gli artefici, è sempre lui a comandare.
Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla
sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo.”
Allora, prego, lasciamogli fare questo strano gioco.
Chissà, magari sarà capace di stupire non solo noi, ma anche quella piccola parte di te che accompagna il suono del nostro battito con i suoi respiri.”
BUONE VACANZE!
Jessica & Marcello
Questa voce è stata pubblicata in A occhi chiusi e cuore aperto, A un passo da te (Jessica Mastroianni & Marcello Affuso), La scatola dei pensieri!, Quattro Mani, Racconti. Contrassegna il permalink.

3 risposte a A un passo da te (intro)

  1. Vito M. ha detto:

    Ciao, grazie per questo bellissimo dono, leggendo questo ho avuto la certezza, (ma già l’avevo) che il vostro è un libro splendido.
    Spero di trovarlo in libreria, ne acquisterò sicuramente una copia, sono sicuro che sarà per me un arricchimento.
    Vi auguro di trascorrere un meraviglioso periodo di ferie.
    Con amicizia,Vito

  2. Viene voglia di leggerlo davvero !
    Ma come si può acquistare ?
    Online non si trova ?

    Nel frattempo… BUONE VACANZE !

  3. gAs ha detto:

    Adesso che torno qui, le vacanze immagino saranno finite. Forse…
    Perchè anche quello di sentirsi sempre in vacanza dovrebbe essere un modo di vivere, e riuscire a sentire di più, continuare a scoprire cose nuove pur restando a un passo da casa. A un passo da te.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...